“Impressioni” Al M.o Francesco Merli

Sentendo un rar0 78 giri Columbia GQ 7197 matrice CB 7709/CB 7710, dall’opera Norma di V.Bellini, più precisamente “Meco all’altar di Venere” di seguito “Me protegge me difende”, lei M.o mi delizia con la sua splendente voce espressiva, di tecnica assoluta, di fiati incredibili, di uno smalto bronzeo, di acuti torrenziali, si ascolti quel DO !!! della prima parte, di seguito il taglio aperto della cabaletta, difficile, difficilissimo, con passaggi perfetti in ogni gamma, i fiati rubati !!! la frase della seconda parte, “quell’empio altare abbatterò” e il legato di ” e l’amor che m’infiammò” il colore della sua voce sempre in linea col canto ottocentesco che i brani ascoltati impongono, quel canto che purtroppo da tempo !!! si è perso……………… Grazie M.o di avermi lasciato questa stupenda incisione discografica, la tengo gelosamente nel mio bunkerino, con affetto e riconoscenza. Danilo
[audio:http://voceantica.com/wp-content/uploads/2009/04/merli-1.mp3|titles=merli – 1] [audio:http://voceantica.com/wp-content/uploads/2009/04/merli-2.mp3|titles=merli – 2]

Sull'autore

11 commenti

  • MERLI è FANTASTICO VERA VOCE DI TENORE LIRICO SPINTO TENDENTE AL DRAMMATICO NON CI SONO DUBBI
    UN GRANDE!!!

  • ASSOLUTAMENTE DI MERLI DA NON PERDERE è ANCHE L’INCISIONE DELLA MANON LESCAUT CON LA ZAMBONI COSì PURE INTERESSANTE ANCHE IL TROVATORE ANCH’ESSO INCISO COMPLETO, SECONDO SOLO A QUELLO DI PERTILE IL MAI ABBASTANZA LODATO!!!
    MERLI CI RIPORTA AD UNA GRANDEZZA DEL CANTO E AD UN SENSO DI BELLEZZA ESTETICA DEL SUONO PURTROPPO ORMAI PERDUTI . GRAZIE ANCORA, MAESTRO MERLI

  • MERLI INCREDIBILE ANCHE NELLA TURANDOT DOVE SFOGGIA SQUILLO DA ESPADA E TIMBRO AL CONTEMPO BRUNITO DA BARITENORE!
    UNA FORZA IL SUO CALAF!
    ASCOLTARE PER CREDERE

  • SEMPRE A PROPOSITO DI MERLI SONO ECCEZIONALI I DUETTI DALL’OTELLO COSì COME I PEZZI SOLISTICI, UN GRANDISSIMO OTELLO IL SUO CHE OFFUSCA QUASI QUELLO DI DEL MONACO

  • CIAO MARCO, QUANDO SENTIRAI IL “MECO ALL’ALTAR DI VENERE E RELATIVA CABALETTA” CANTATA DA F.MERLI A MIO PARERE IL MIGLIORE IN ASSOLUTO !!! SARA’ UN ULTERIORE PROVA CHE ARTISTI DI QUESTO CALIBRO DA SVARIATI !!! ANNI, NON SE NE SONO SENTITI PIU’ IN TEATRO. ANCHE IN QUESTO NOSTRO APPROFONDIMENTO ABBIAMO TESI SIMILI, QUESTO MI RENDE PARTICOLARMENTE ENTUSIASTA, ESSENDO TU GIOVANE E PROFONDO CONOSCITORE DELLA LIRICA. CARO MARCO, SE NON SI CONOSCE APPROFONDITAMENTE IL PASSATO !!!!!!!!!!!!!!!!! IL PRESENTE E’ SENZA ANIMA. SALUTI DANILO.

  • SONO CONVINTO CHE F.MERLI SIA STATO UNA DEI POCHI TENORI DRAMMATICI ITALIANI DEL SECOLO PASSATO, IL SUO BRONZO, IL SUO FRASEGGIARE, I SUOI ACCENTI, LA BRUNITURA SEMPRE VIVA NELLE ZONE BASSE E CENTRALI, QUEGLI ACUTI VIGOROSI E SQUILLANTI, TUTTO QUESTO GLI HA PERMESSO DI NAVIGARE !!! CON FACILITA’ IN UN REPERTORIO DA TANTISSIMO TEMPO IN DISUSO “NELL’ECCELLENZA”, G.TELL, POLIUTO, OTELLO, IL TROVATORE, TURANDOT ECC…SALUTI DANILO.

  • CONDIVIDO IN PIENO QUESTO TUO SCRITTO, IL COLMO !!!! E’ CHE CI SONO MOLTI ADEPTI !!! DEL NUOVO CORSO DELLA LIRICA, CHE TROVANO DIFETTI E ALTRE PAROLE CHE LORO STESSI NON SANNO IL SIGNIFICATO, PURTROPPO CI SONO ALCUNI, POCHI PER LA VERITA’, CHE DANNO LE SOLITE NOTIZIE VIA RADIO RAI, TU HAI CAPITO !!!! UNA PER TUTTE, CARRERAS IL PIU’ GRANDE CALAF !!!!!!!!!!!! (il Signore ci aiuti) !!!! SALUTI DANILO.

  • A PROPOSITO DI GRANDI NOMI, QUELLI VERI…SENZA TRUCCHI Nè INGANNI
    ciao Danilo!
    ho ascoltato per caso un disco di FLETA e mi sono entusiasmato!
    il suo mi par d’udire ancora è incredibile che fiati che mezzavoce che lucentezza nel settore acuto che clima trasognato riesce a ricreare
    MAGNIFICO!
    ciao!!
    Marco

  • CIAO MARCO, EVIDENZI GIUSTAMENTE L’ESECUZIONE, M.FLETA LA DEFINISCO UNA VOCE STELLARE !!!!!!!!!!! QUEL “MI PAR D’UDIRE ANCORA” CON QUELLA SERIE DI DIMINUENDI SPAVENTOSI PER LA RIUSCITA PERFETTA EQUILIBRATA E VIBRANTE, SAI CHE QUESTA ROMANZA SOLO POCHISSIMI HANNO BEN FIGURATO, FLETA E’ INARRIVABILE. ASCOLTA POI DALLA FAVORITA “UNA VERGINE UN ANGEL DI DIO” LA PAROLA VERGINE, SOPRATTUTTO LA PRIMA “E”, QUALE INTENSITA’ RIESCE A DELINEARE, IN POCHE PAROLE, CON QUELLA “E” DICE TUTTO!!!!!!IN ULTIMO UN ASCOLTO AL SUO “VESTI LA GIUBBA” LA “V” CON UN ATTACCO PIANISSIMO!!!!MAI PRIMA UDITO, IL RESTO PUOI IMMAGINARLO, QUESTI ERANO ARTISTI CON LA !!! A !!! SALUTI DANILO.

di danilo